martedì 30 novembre 2021 Registrazione   
You are here:  Chi era
don Franco Baroni
 » Ricordo di un amico a 100 anni dalla nascita
 
Ricordo di un amico a 100 anni dalla nascita

Sabato 18 settembre 2021

Ricorre oggi il 31esimo anniversario della morte di S.E. Monsignor Giuliano Agresti che fu Arcivescovo di Lucca dal 1973 fino al decesso.

Monsignor Agresti era nato 100 anni fa (il 14 agosto 1921) a Barberino di Mugello.

Questa mattina è stato ricordato con una Santa Messa e con la presentazione del libro curato dal Professore Don Piero Ciardella, che raccoglie le omelie che Monsignor Agresti ha pronunciato in occasione delle feste della Santa Croce e scritti comunque legati al Volto Santo simbolo della città e della Chiesa lucchese. Omelie che all’epoca furono registrate da Ardelio Pracchia e poi trascritte e pubblicate sul Bollettino Diocesano.

Monsignor Agresti è stato sempre vicino alla nostra Associazione, fin da quando, nel pomeriggio del 6 settembre 1985 venne lanciata la proposta della costituzione (poi concretizzata con atto notarile il 23 novembre 1985).

La prima foto lo vede al tavolo della Sala Ademollo di Palazzo Ducale proprio in occasione dell’incontro del 6 settembre 1985

(da sinistra: Paolo Mandoli, Walter Nones, Moira Orfei e Monsignor Giuliano Agresti)

Nella seconda e nella terza immagine Monsignor Agresti il 26 giugno 1988 giorno dell’inaugurazione della nostra prima sede sociale in via del Seminario, dopo il periodo che avevamo passato come ospiti presso l’Arciconfraternita di Misericordia di Lucca.

«La memoria di don Franco – disse l’Arcivescovo Monsignor Giuliano Agresti dopo la morte del “prete del circo” – rimane amabile e vivace per chiunque lo abbia conosciuto, tanto chiaro nella sua fede e nella sua fedeltà al ministero pastorale quanto atipico nella forma della sua esistenza. Estroverso, generoso e relazionale, ha scelto una testimonianza sacerdotale consona alla sua natura. In fondo era un “nomade” anche lui e un fanciullo che la favola del circo stregò. Ma pur nella sua forma atipica di vita, egli era un serio uomo di Chiesa. Fermo e mobile, come conviene ad un “nomade” di Dio, sempre nell’obbedienza alla Chiesa».

 
Copyright 2009 by DotNetNuke Corporation   |  Privacy  |  Condizioni d'uso